Dopo 1 anno di studi arriva il Pan di Gerla, ma non chiamatelo Panettone!

Gerla 1927 riceve la certificazione di Eccellenza Artigiana per il Settore Alimentare Pasticceria e Gelato
dicembre 10, 2018
Orari festivi Gerla 1927
dicembre 17, 2018
Show all

Dopo 1 anno di studi arriva il Pan di Gerla, ma non chiamatelo Panettone!

La sfida dei dolci natalizi in genere di sfida ha poco o niente. Panettoni, Pandori, cioccolato in varie forme e dimensioni, il tutto possibilmente condito di decorazioni e colori vari ed eventuali. Diciamolo per dire, ma davvero quella del dolce di fine pasto non è mai una sorpresa a Natale. Fino a oggi. 

Evi Polliotto è una che il suo mestiere lo conosce abbastanza da averne indagato a fondo la storia, le sfumature e le infinite possibilità. E’ una che di fronte a una sfida non si tira mai indietro. Per questo motivo quando c’è stato da sedersi e decidere la linea dei dolci per il Natale 2018 da Gerla non ci sono stati dubbi: quest’anno il panettone non sarebbe stato protagonista. Certo, a una grande assenza bisogna rispondere con un’altrettanto grande sorpresa, ed è così che è nata l’idea: realizzare un Grande Lievitato di Torino nella forma ricordasse un po’ il panettone ma differisse in sostanza e soprattutto brillasse per qualità e originalità. 

Il Pan di Gerla è grande lievitato che ha richiesto più di 1 anno di studi per raggiungere la forma e la composizione perfetta, un dolce che non sarà solo natalizio ma che, grazie a una particolare versatilità e all’estro dei pasticceri di Gerla 1927 sarà adattarsi alle stagioni che cambiano mantenendo sempre due punti fermi: materia prima di assoluta qualità e lievito madre. 

Nella sua versione natalizia, il Pan di Gerla si presenta quindi a base di lievito madre, farina, uova, zucchero, pasta di nocciole Piemonte IGP fatta in casa, cioccolato Valrhona, frutta candita e Marron glacé della Val di Susa e della Valle Pesio, anch’essi realizzati in casa. Una lievitazione di 30 ore e un buquet particolarmente aromatico dato dal lievito madre e dagli ingredienti rendono il Pan di Gerla un prodotto artigianale dalla qualità unica, perfetto, nella sua declinazione natalizia, per impreziosire la tavola delle feste con un Grande Lievitato di Torino inedito e goloso.  

Il Pan di Gerla è disponibile in tutte le pasticcerie del gruppo Gerla 1927. 

 

Della sua nuova creazione, Evi Polliotto dice: 

Nelle pubblicità, sui social o nei supermercati osserviamo “panettoni” nelle vesti più fantasiose, ma che nulla hanno a che vedere con la tradizione e la storia del vero Panettone.
Proprio per questo motivo, più di un anno fa, ho iniziato ad approfondire i miei studi sui lievitati e nello specifico sui Panettoni, andando alla ricerca di quello che desideravo diventasse IL GRANDE LIEVITATO DI TORINO.
Qui di seguito c’è quello che la normativa italiana prevede sul Panettone; da questo mi sono ispirata per creare un lievitato che non fosse un panettone, ma che ne ricordasse il bouquet aromatico tipico del lievito madre e la struttura alveolata e soffice, ma soprattutto la sua grande digeribilità.

 

La denominazione «panettone» è riservata al prodotto dolciario da forno a pasta morbida, ottenuto per
fermentazione naturale da pasta acida, di forma a base rotonda con crosta superiore screpolata e tagliata in
modo caratteristico, di struttura soffice ad alveolatura allungata e aroma tipico di lievitazione a pasta acida.
L’impasto del panettone deve contenere i seguenti ingredienti:
farina di frumento, zucchero, uova di gallina di categoria «A» o tuorlo d’uovo, o entrambi, (in quantità tali da
garantire non meno del quattro per cento in tuorlo); materia grassa butirrica( in quantità non inferiore al
sedici per cento), uvetta e scorze di agrumi canditi( in quantità non inferiore al venti per cento),
lievito naturale costituito da pasta acida; sale. 

È facoltà del produttore aggiungere anche i seguenti ingredienti: latte e derivati, miele, malto, burro di cacao,
zuccheri.

Cosa troverete nel Pan di Gerla? Le specificità di questo GRANDE LIEVITATO saranno le eccellenze piemontesi; a partire dalle nocciole IGP Piemonte, al nostro cioccolato Gianduia ( una ricetta che vanta 91 anni di storia), e non potevano mancare i miglior marroni della Valle Susa e Valle Pesio.