Dal 1927 a Oggi

 

Sotto i portici di Corso Vittorio Emanuele II 88, quasi ai piedi del monumento donato a quest’ultimo da Re Umberto I, Gerla scrive la storia della pasticceria torinese dal lontano 1927, quando nasceva con il nome di Eccelsa con un futuro radioso quanto inimmaginabile di fronte a sé.

L’avvento dei fratelli Gerla nei primi anni ’50 portò la pasticceria al successo: Gerla diventa un nome conosciuto dentro e fuori la città di Torino grazie all’eccellenza cioccolatiera e all’indiscutibile qualità delle sue torte, i prodotti più rappresentativi di una realtà già destinata a entrare di diritto nel novero delle eccellenze piemontesi.
Nel 1986, ormai anziani, i fratelli cedono l’attività a Francesco e Antonio Ciocatto, entrambi impiegati nell’attività di produzione dell’azienda, che la mantengono fino al recente 2012.

In quell’anno viene acquistata da Roberto Munnia, il cui arrivo segna l’inizio di un’era del tutto nuova. Con uno sguardo alla tradizione e uno all’innovazione, Munnia scrive un progetto ambizioso il cui scopo principale è quello di dare vita a un’azienda sviluppata su tre diversi livelli: produzione, vendita e somministrazione di cibi dolci e salati di alta qualità. La Pasticceria, già famosa per cioccolato e torte, continua a rappresentare al meglio la tradizione torinese di pasticceria mignon, mentre al suo interno nasce una caffetteria in grado di offrire venticinque tipi diversi di brioches e cinque miscele di caffè dedicate ai personaggi storici che hanno fatto grande l’Italia. In seguito, la Pasticceria si sposta di pochi metri, al numero 86 di Corso Vittorio Emanuele II, mentre la storica sede viene ampliata e trasformata in un’elegante Caffetteria a tutti gli effetti. Nel 2013 sotto la Caffetteria si insedia L’Orangerie, dapprima elegante ristorante e in seguito raffinato lounge bar. Il progetto di Munnia, tradendo un che di visionario, supera rapidamente i confini di Corso Vittorio Emanuele e approda alla gestione della della Caffetteria di Palazzo Reale, della Caffetteria del teatro Alfieri e della Caffetteria/Sala Relax dell’esclusivo Club Virgin Active Torino Collection.

Le diramazioni, come si è visto, sono diverse, ma il punto di arrivo è sempre lo stesso e non a caso coincide con quello di partenza, come fosse uno dei cerchi che sovrastano il logo Gerla: si tratta della ricerca e della condivisione della qualità artigianale di un tempo, la cui elitarietà consiste, paradossalmente, nell’essere un’eccellenza alla portata di tutti.